Silver Metal Ceramic™

La rivoluzione dell'acciaio

Un materiale innovativo

Il Silver Metal Ceramic è un alluminio trattato, più resistente alla corrosione e più duraturo all’usura abrasiva dell’acciaio inossidabile, con proprietà antibatteriche e una drastica riduzione del peso.

Come è possibile ottenere tali risultati? Grazie ad uno speciale trattamento di ossidazione anodica a cui segue una sigillatura delle microporosità mediante ioni d’argento, chiamato trattamento GHA (Golden Hard Anodizing).

Il trattamento GHA

1

Il potere dell'argento

L’Argento è un ingrediente chiave nel Silver Metal Ceramic perché è un antibatterico naturale, come è stato studiato nei secoli di storia. Gli Egizi ad esempio rivestivano le cisterne contenenti acqua potabile con argento per ridurre l’insorgere di malattie causate da acqua contaminata, i romani mettevano piccole barre di argento negli acquedotti per purificare l'acqua mentre gli imperatori Cinesi usano utensili di argento per prevenire la trasmissione di malattie. Nel '700 si scoprì che i bambini alimentati con cucchiai d’argento erano più sani di quelli alimentati con stoviglie di altri metalli e a fine '800 il botanico Karl Von Wilheim Nageli pubblicò una ricerca che ne dimostrava ufficialmente le proprietà antibatteriche. Oggi l’argento sta riemergendo come un importante agente antibatterico perchè svolge un’azione unica nell’attaccare ed uccidere micro-organismi che provocano infezioni.

2

L'ossidazione anodica

Le leghe di alluminio, a causa della loro scarsa durezza, hanno una superficie estremamente vulnerabile al graffio ed all’usura abrasiva; inoltre tendono ad ossidarsi spontaneamente innescando anche pericolosi fenomeni di corrosione. L’ossidazione anodica è il trattamento protettivo più congeniale e sicuro per le leghe a base alluminio perchè è inasportabile. Durante il processo galvanico l’alluminio della base si trasforma in ossido di alluminio (Al2O3) generando uno strato protettivo di tipo ceramico molto duro, refrattario al calore ed inasportabile.

3

Il processo galvanico

La porosità dei cristalli dell’ossido anodico costituisce un vero e proprio limite che ne riduce le applicazioni. I ricercatori della società Souken di Kyoto hanno studiato la possibilità di sigillare tali pori con l’argento, trasformando così quello che era considerato una debolezza in un vantaggio. L’argento è un importante agente antibatterico perchè svolge un’azione unica nell’attaccare ed uccidere micro-organismi che provocano infezioni. I pori, grazie al processo galvanico, diventano piccoli serbatoi per gli ioni d’argento che risultano così distribuiti uniformemente sulla superficie e permanentemente presenti durante l’usura.

4

I risultati

Il connubio fra lo strato di ossidi anodici con la sigillatura in Argento conferisce al processo GHA non soltanto straordinarie proprietà antibatteriche ma anche altri eccellenti requisiti come antimuffa, anticorrosione, elevata resistenza all’usura abrasiva, antistaticità, antiaderenza, scorrevolezza ed elevata conducibilità termica e dispersione calorica.

Qualità certificata

Il processo GHA è stato brevettato.